Ghiannis Ioannou | Grecia

Official web site:

http://yannis-ioannou.com/

Ghiannis Ioannou sarà:

  • Venerdì 9 ottobre, ore 17.00 || La linea della crisi (meeting) - Cantine di Palazzo Rava, Via Roma 117
  • Sabato 10 ottobre, ore 19.00 || La linea della crisi (esposizione) Cantine di Palazzo Rava, Via Roma 117

Ghiannis Ioannou è uno dei primi vignettisti che si è imposto sul panorama satirico greco.

 

Attivo nell'ambiente giornalistico ateniese (e non solo) sin dagli anni '70, ad oggi il suo lavoro, estremamente prolifico, costituisce una summa della satira greca dal periodo immediatamente susseguente alla dittatura dei colonnelli sino al braccio di ferro tra il governo ateniese e la Commissione Europea dei mesi scorsi.





 

Nato nel 1944 a Salonicco, Ioannou consegue una laurea in Architettura all'Università Aristotele nel 1968.

 

Prosegue i suoi studi presso l'Ecole d'Urbanisme de Paris (EUP) e lavora per diversi studi di architettura fino al 1975. Durante il suo soggiorno in Francia entra in contatto con la nuova corrente di vignettisti e caricaturisti francesi e comincia a disegnare i primi schizzi di satira sociale.

 

Una volta tornato Grecia, Ioannou contribuì in modo decisivo alla nascita di una nuova estetica, a tratti rivoluzionaria nei confronti della satira del tempo sia per lo stile che per il linguaggio semantico adottato della sua ironia, particolarmente lucida nel consegnare un panorama fotografico e lungimirante dei cambiamenti sociali in atto all'interno della società e della politica greca. 

 


 

 

E così qualche anno fa, era proprio Ioannou a rappresentare Alexis Tsipras, allora all'opposizione, come un ragazzino che correva veloce soffiando sul collo dei principali leader politici greci, preannunciando la rapida crescita di consensi che porterà Syriza a diventare primo partito al governo.

 

Mentre negli ultimi anni una delle tematiche principalmente affrontate dal vignettista è stata (e continua ad essere) la critica a quelle politiche di austerità imposte dalla Commissione europea e le loro ripercussioni destabilizzanti sulla politica interna e sulla società greca.



 

Altra costante all'interno dei suoi sketch è un sarcasmo “zero political correct” nei confronti della classe politica tedesca, spesso trasfigurata e impersonata dal “generale nazista” intransigente e colonizzatore. Questa costante parodica, che si ritrova tra l'altro nel linguaggio ironico di molti colleghi greci, tanto lascia pensare a riguardo del lascito dell'occupazione nazista nel sentito storico greco odierno, anche a fronte dell'attuale ruolo della Germania all'interno dell'Eurozona.   



 

Ad oggi considerato come il capostipite dell'odierna scuola greca, le vignette di Ghiannis Ioannou, pubblicate dal 1975 sino ai giorni nostri, sono comparse nella rivista Anti, nel free press Athens Voice, nei quotiniani To Vima e To Pontiki e nella rivista Galera fino alla sua chiusura. Ha inoltre pubblicato diverse raccolte di vignette politiche e di fumetto come O tritos dromos (“La via di mezzo”), O Evropeos (“L'europeo”), To Travma (“Il miracolo”), ed attualmente i suoi lavori, spesso al centro dell'attenzione per l'intensità e l'autorevolezza della propria denuncia, vengono pubblicati dal quotidiano nazionale To Ethnos.