2006

Komikazen, 2° Festival internazionale del fumetto di realtà


Danijel Zezelj CITY OF DREAMS - Mostra
Danijel Zezelj CITY OF DREAMS - Mostra
Danijel Zezelj CITY OF DREAMS - Mostra
Danijel Zezelj CITY OF DREAMS - Mostra
Danijel Zezelj CITY OF DREAMS - Performance
Danijel Zezelj CITY OF DREAMS - Performance

Giovedì 12 ottobre alle ore 21.30 apre la rassegna Komikazen 2° edizione – Festival internazionale del fumetto di realtà il disegnatore croato Danijel Zezelj con una performance visiva e musicale con la musicista americana Jessica Lurie.

La performance sarà il preludio della mostra dedicata a Zezelj ed ospitata negli spazi della nuova galleria d’arte Mirada in via Mazzini 83 a Ravenna. Sarà quindi la mostra che inaugura non solo la seconda edizione di Komikazen in veste rinnovata, ma anche la galleria Mirada.

Essa nasce come spazio prettamente dedicato al disegno e al fumetto, con particolare attenzione ovviamente al fumetto di realtà. Uno spazio che si pone l’obiettivo di diventare il punto di riferimento non solo nazionale, ma anche internazionale, per questo tipo di medium.

Vittorio Giardino - Komikazen 2006 - Incontro Liceo Artistico
Vittorio Giardino - Komikazen 2006 - Incontro Liceo Artistico
Vittorio Giardino - Komikazen 2006 - Incontro Liceo Artistico
Vittorio Giardino - Komikazen 2006
Vittorio Giardino - Komikazen 2006
Vittorio Giardino - Komikazen 2006

Komikazen si presenta quindi in veste rinnovata e in forma di rassegna e occuperà per una stagione gli spazi della galleria e della città.

Nella seconda edizione, oltre all’attenzione per i talenti nascosti a livello internazionale, particolare visibilità verrà data anche alla realtà italiana: dopo Zezelj difatti sarà ospite della galleria e incontrerà pubblico e studenti il maestro italiano Vittorio Giardino. Uno dei temi che faranno da filo conduttore della rassegna sarà la guerra civile spagnola. Essa è il tema del libro di Giardino No Pasaran, di cui si presenteranno le tavole originali, ma anche di un altro importante ospite Giuseppe Palumbo. Anch’esso italiano, su sceneggiatura dello scrittore Massimo Carlotto, ha visualizzato una storia ambientato nel conflitto iberico nel libro L’ultimo treno. La domanda a cui si tenterà di dare risposta sarà perché in questo momento storico questo rinnovato interesse per uno scontro che era rimasto quasi rimosso nell’immaginario italiano?

Raùl - Komikazen 2006
Raùl - Komikazen 2006
Raùl - Komikazen 2006
Raùl - Komikazen 2006
Raùl - Komikazen 2006
Raùl - Komikazen 2006 - Incontro

E dalla Spagna arriva un disegnatore veramente spettacolare: Raul. Notissimo in madrepatria per avere collaborato ininterrottamente dal 1986 al 1998 con El País, alterna la collaborazione con riviste e giornali quali La Razón, La Vanguardia, Marie Claire con un’intensa attività per il disegno animato (anche per Hanna-Barbera negli USA). Ma i risultati più interessanti sono quelli dei libri realizzati con lo sceneggiatore Felipe H. Cava, ospite nella precedente edizione del festival, come Berlin, rarefatta rappresentazione d’ambiente nella Repubblica di Weimar, o Finestra sull’occidente, diario di viaggio nell’Unione Sovietica subito prima del crollo. Di questa produzione saranno esposti i disegni originali, di straordinaria forza pittorica.

BECCOGIALLO La cronaca italiana e internazionale a fumetti
BECCOGIALLO La cronaca italiana e internazionale a fumetti
BECCOGIALLO La cronaca italiana e internazionale a fumetti
BECCOGIALLO La cronaca italiana e internazionale a fumetti
BECCOGIALLO La cronaca italiana e internazionale a fumetti
BECCOGIALLO La cronaca italiana e internazionale a fumetti

Osservando la realtà rappresentata dal fumetto, non poteva certo mancare la presentazione della casa editrice Becco Giallo: un’esperienza editoriale totalmente dedicata alla cronaca nelle sue diverse accezioni. Si tratta di un esperimento sicuramente originale e a vasto raggio, particolarmente interessante perché di fatto ha permesso ad autori italiani esordienti o quasi di misurarsi con storie e narrazioni di amplissimo respiro.

La Turchia Ride - Locandina Ravenna
La Turchia Ride - Invito Ravenna
La Turchia Ride - Disegnatori turchi della rivista Le Man - Ravenna
La Turchia Ride - Disegnatori turchi della rivista Le Man - Ravenna
La Turchia Ride - Disegnatori turchi della rivista Le Man - Ravenna
La Turchia Ride - Disegnatori turchi della rivista Le Man - Ravenna

Last but not least, la rassegna si conclude con i disegnatori turchi della rivista Leman, che esce settimanalmente da 15 anni in 150.000 copie, distribuite in maniera capillare da Diyarbakir a Istanbul. La rivista si caratterizza come settimanale di attualità politica, ma è completamente a fumetti. I suoi personaggi sono ormai punti di riferimento, anche linguistico, per i giovani e meno giovani turchi, ed è una rivista che, malgrado abbia un taglio molto critico per il potere, viene letta da un pubblico variegato. I due fondatori della rivista, ospiti di Komikazen, sono personaggi amati dalla gente come beniamini, anche se in passato molto invisi al potere, tanto da non potere ottenere il passaporto per diversi anni. Sarcastici, ironici, iconoclasti: la loro rivista ogni settimana corrode con il suo humour caustico i vizi e le ipocrisie della società turca con incredibile libertà espressiva.

 

Di particolare interesse la presentazione del libro Matrimoni di una disegnatrice turca che fa parte dello staff di Le Man, una sorta di Claire Bretecher alla turca, che viviseziona con ironia i luoghi comuni, ma anche le nuove distorsioni, del matrimonio nella vita delle donne turche. Saranno inoltre presentate anche le tavole dei fondatori di Le man, Mehmet Cagcag e Tuncay Akgun, nonché i lavori di Guneri Icoglu. Il personaggio protagonista di questo autore rappresenta il turco medio, intriso di nostalgia per tutto ciò che ha un sapore retrò e che si rende ridicolo agendo come se l’industrializzazione non fosse arrivata nel paese.

La Turchia conosce una tradizione vignettistica, satirica, ma anche narrativa (persino la storia di Attaturk è stata realizzata anche a fumetti!) di grande qualità e ampiezza. Le man è una casa editrice, una rivista settimanale che esce in 150.000 copie, una libreria bar nel centro di Istanbul e un fenomeno di costume. Si tratta di materiale completamente inedito in Europa e che sicuramente contribuirà ad una differente visione di questo Paese dalla controversa candidatura europea.

Il catalogo edito da Fernandel Editore, Ravenna, a corredo del Festival, presenterà storie inedite in Italia di tutti gli autori in mostra, oltre ai contributi critici sugli autori.