2005

Komikazen, 1° Festival internazionale del fumetto di realtà


Komikazen 2005 - Sala Battaglia di Algeri
Komikazen 2005 - Sala Battaglia di Algeri
Komikazen 2005 - Sala Battaglia di Algeri
Komikazen 2005 - Sala Battaglia di Algeri
Komikazen 2005 - Sala Battaglia di Algeri
Komikazen 2005 - Sala Battaglia di Algeri

Venerdì 30 settembre alle ore 18.00, Associazione Mirada in collaborazione con l’Assessorato alle Politiche Giovanili del Comune e della Provincia di Ravenna presentano Komikazen il I° Festival Internazionale del fumetto di realtà ospitato a Ravenna in tre diverse sedi espositive: il Museo d’Arte della città di Ravenna, Almagià, l’ex fabbica dello zolfo; e il Centro Giovanile di via Chiavica Romea.

"Per ventiquattromila baci"  Balkanfestival
"Per ventiquattromila baci"  Balkanfestival
"Per ventiquattromila baci"  Balkanfestival
"Per ventiquattromila baci"  Balkanfestival
"Per ventiquattromila baci"  Balkanfestival
"Per ventiquattromila baci"  Balkanfestival

Dopo il successo delle mostre “Per Ventiquattromila baci: fumetti dall’altra Europa”, “Joe Sacco: Nuvole da oltre frontiera”, “Marjane Satrapi ovvero dell’ironia dell’Iran”, che hanno posto il racconto di vita reale al centro della narrazione, Associazione Mirada ha voluto creare un’occasione più ampia e un luogo deputato per entrare in contatto e conoscere direttamente gli autori più importanti a livello internazionale che raccontano il reale usando parole e immagini.

Il Festival, il primo nel suo genere a livello internazionale, curato da Gianluca Costantini e Elettra Stamboulis, avrà una durata di tre giorni, mentre le mostre in programma potranno essere visitate per tutto il mese di ottobre. In mostra al MAR saranno esposte tavole originali dei vincitori del Concorso Internazionale La Battaglia di Algeri: racconto a strisce di una storia in bianco e nero e i lavori di autori già affermati nei rispettivi Paesi, come Phoebe Gloeckner, Nicole Schulman, Felipe H. Cava, Tomaž Lavric e Kamel Khélif.

Marjane Satrapi - Ravenna 2004
Marjane Satrapi - Ravenna 2004
Marjane Satrapi - Ravenna 2004
Marjane Satrapi - Ravenna 2004
Marjane Satrapi - Ravenna 2004
Marjane Satrapi - Ravenna 2004

Il festival creerà anche momenti di intersezione con altri linguaggi, come il giornalismo e il fotoreportage, grazie alla collaborazione con la rivista “Internazionale”, partner del progetto

Ma il festival sarà soprattutto un’occasione per incontrare gli autori ospiti, tra cui anche Marjane Satrapi e Joe Sacco, che incontreranno il pubblico. Alla mostra saranno abbinati laboratori didattici sull’autobiografia a fumetti per le scuole.


Biografie autori in mostra

Phoebe Gloeckner: docente alla Michigan University negli USA, è nota in Italia per l’ormai introvabile Vita da bambina (Topolin Edizioni), racconto autobiografico di violenza familiare. Ha al suo attivo molti libri a fumetti e collaborazioni con autori come James Graham Ballard, ed è un’autrice particolarmente apprezzata da Robert Crumb.

 

Nicole Schulman: giovane disegnatrice americana, legata al movimento noglobal e alla scena alternativa statunitense, collabora con il collettivo World War III. Autrice di manifesti, tatuaggi e illustrazioni per le performance politiche degli attivisti, è caratterizzata da un segno xilografico e da una forte attenzione per le tematiche sociali. Ha curato insieme a Paul Buhle Wobblies, libro sulla storia dei Sindacati Americani. Pubblicata in Italia dalla rivista InguineMAH!gazine.

 

Kamel Khélif: autore francoalgerino pubblicato per i tipi della casa editrice francese Fremòk. Le storie, dai toni fortemente pittorici, sono tutte legate dalla tematica trasversale della ricerca d’identità dei “nati in patria altrui”. Il senso di esilio e di appartenenza sono declinati in microstorie ambientate nelle città di provincia francesi e d’Algeria. Esse sono un tributo alla gioventù perduta di questi paesi e un omaggio alla nostalgica bellezza della memoria. Non è pubblicato in Italia.

 

Felipe H. Cava: sceneggiatore spagnolo (anche per il cinema), ha lavorato con numerosi autori tra cui Raul. Noto all’estero in particolare per Berlin ‘31 e Finestra sull’occidente (inediti in Italia), ha coordinato l’iniziativa editoriale 11 Marzo, realizzata da un gruppo di disegnatori spagnoli, sull’attentato ferroviario che ha portato la Spagna a ritirarsi dall’Iraq. Negli anni ’70 ha fatto parte del collettivo politico – creativo denominato El Cubri.

 

Tomaž Lavric alias TBC: autore sloveno, è noto in Italia per Racconti di Bosnia (Magic Press edizioni), che ha vinto come migliore albo numerosi premi internazionali, Tempi Nuovi e La Fuga di Lucertola, per lo stesso editore. Per Panini comics è uscito invece Il Decalogo IV. Narratore per immagini di microstorie che descrivono il suo Paese al bivio tra passato e presente, con occhio disincantato e impietoso.

 

Saranno ospiti del festival Joe Sacco, reporter a fumetti sui conflitti come la Bosnia e la Palestina, ma osservatore anche del dibattito politico interno americano (pubblicato di recente da Internazionale), che ha già esposto in una personale organizzata da Mirada presso il Museo nel 2001, e Marjane Satrapi fumettista iraniana d’adozione francese, nota in Italia in particolare per Persepolis, uscito anche come albo allegato a Repubblica.

 

Il catalogo edito da Coniglio Editore, Roma, a corredo del Festival, presenterà storie inedite in Italia di tutti gli autori in mostra, oltre al contributo critico di Elettra Stamboulis, Tahar Lamri e uno scritto di Felipe H. Cava su memoria e fumetto.